”Scuola 2.0”, il progetto formativo per i Dirigenti Scolastici ed i Docenti delle Marche

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

A pochi giorni dal riconoscimento formale ricevuto dalla Regione Marche, siamo felici di partecipare al convegno di presentazione del progetto “Scuola 2.0”, curato dall’Ei-Center Associazione F.C.S. di Jesi, che si terrà

  • mercoledì 14 maggio presso l’Istituto Comprensivo Statale “L. Pirandello” di Pesaro (PU);
  • giovedì 15 maggio presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Cambi Serrani” di Falconara Marittima (AN)

Protagonisti dell’evento saranno Dirigenti Scolastici e Docenti alle prese con le competenze richieste dal Piano Nazionale per la Scuola Digitale.

Si parlerà di:

  • LIM: piano di diffusione delle Lavagne Interattive Multimediali per accompagnare il processo di innovazione della didattica attraverso l’uso di tecnologie informatiche;
  • CLASSI 2.0: ambienti di apprendimento innovativi, individualizzazione e personalizzazione degli apprendimenti, formali-non formali, contenuti didattici digitali, metodologie didattiche;
  • EDITORIA DIGITALE: contenuti didattici di nuova generazione tra ambiente classe e ambienti on-line.

Il progetto è patrocinato dalla Regione Marche e promosso da EIPASS e Toshiba, e vedrà la partecipazione di rappresentanti delle Istituzioni locali. Auspichiamo che questa iniziativa possa essere d’esempio per tutti gli Ei-Center della nostra Rete: proponeteci i vostri progetti, organizzatene in collaborazione con istituzioni e realtà locali. Saremo con Voi per promuovere al meglio i nostri servizi e raggiungere, assieme, risultati sempre più soddisfacenti per tutti.

[social icon=”facebook” url=”https://www.facebook.com/media/set/?set=a.741413395911377.1073741868.102000366519353&type=1″] Guarda la galleria fotografica[br]su Facebook
[br]

Conferimento attestati di competenza EIPASS Lim per docenti

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Venerdì 28 giugno, presso l’Istituto comprensivo “F. Tedesco” di Avellino, si è svolta la cerimonia di Conferimento Attestati di Competenza EIPASS LIM a oltre 150 docenti provenienti da tutta l’Irpinia.
Un percorso di formazione professionale in linea con le indicazioni del Parlamento Europeo. Un modo innovativo di comunicare con i ragazzi attraverso la tecnologia della Lavagna Interattiva Multimediale (detta anche LIM) che, man mano, andrà a sostituire in tutte le Scuole la oramai obsoleta lavagna con gesso.
Alla Scuola è affidato il compito di fornire ai propri studenti determinate “competenze”: il corretto approccio alle tecnologie digitali da parte dell’Allievo è assunto come fattore basilare per lo sviluppo e la crescita personale e sociale.

Alla cerimonia hanno relazionato il Presidente di Certipass Domenico Pontrandolfo, il Direttore Generale della Bimed (Biennale della Arti e delle Scienze del Mediterraneo) Andrea Iovino e il Dirigente Scolastico prof.ssa Amalia Carbone .

Capisaldi importanti di questo incontro i principi di “Cittadinanza attiva” e “Competenze chiave”, strumenti essenziali e di riferimento per i Paesi dell’Unione Europea. Tali competenze nel panorama europeo costituiscono un valore aggiunto per quanto concerne il mercato del lavoro poiché offrono flessibilità e capacità di adattamento, ma anche soddisfazione e motivazione: elementi che accrescono l’entusiasmo dei più giovani e servono a consolidare le strategie e le basi nel contesto dell’istruzione permanente.

In questo, l’Istituto F. Tedesco di Avellino, ha dimostrato di essere una delle entità più autorevoli dell’intera Campania nel saper fare scuola. I docenti ai quali è stato conferito l’attestato di Competenza EIPASS LIM di certo saranno in grado di garantire a questa seconda generazione di “nativi digitali” una formazione tale da permettergli di tener testa al contesto sociale con il quale giornalmente dovranno confrontarsi.

[social icon=”facebook” url=”https://www.facebook.com/media/set/?set=a.573784249340960.1073741832.102000366519353&type=1″] Guarda le foto pubblicate [br] sul nostro canale Facebook

La LIM e il nuovo ruolo del Docente formatore

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

[responsive]header_lim[/responsive]

L’innovazione delle pratiche educative è un processo di profonda trasformazione, per cui il Docente necessita di essere sostenuto nella sua esperienza professionale. Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università, della Ricerca, intuendo il valore dello strumento e la necessità di supportare i Docenti in questo settore, sta utilizzando Fondi Europei (PON – Piani Operativi Nazionali) per predisporre ed avviare un processo strategico di innovazione digitale, denominato Piano di diffusione Lavagne Interattive Multimediali. La Direzione Generale per gli Studi, la Statistica ed i Sistemi Informativi ha predisposto e sta attuando un articolato piano di formazione che ha impegnato circa 30.000 Docenti nel 2012 e che prevede di coinvolgerne molti di più nel 2013.

Somiglia ad una lavagna tradizionale, ma non lo è. Ciò che si scrive o si disegna può essere salvato sul computer, stampato, messo sul sito della Scuola o inviato per posta elettronica a colleghi e studenti assenti. Si può cancellare con una gomma elettronica, ma nel frattempo, l’intera lezione svolta e la sua sequenza pedagogica è stata memorizzata, con tutti gli interventi, le integrazioni e le osservazioni fatte da Insegnanti ed Allievi. È la lavagna interattiva multimediale (LIM), il luogo in cui costruire contenuti, strumenti di apprendimento e significati.

Lo strumento didattico, almeno da un punto di vista meramente tecnico, è totalmente nuovo. Trattandosi di un settore delicato come quello della formazione e dell’apprendimento, il punto focale non è lo strumento in sé ma come lo si utilizza. In altre parole, si può fare didattica innovativa continuando ad utilizzare la vecchia lavagna di ardesia così come si possono riproporre vecchie metodologie e modelli, con strumenti ad alto contenuto tecnologico. È necessario chiarire fin da subito che il potenziale di innovazione e qualità che può dare la LIM nella didattica è molto elevato: se può sicuramente essere considerato uno strumento di supporto per le strategie didattiche ormai consolidate, il suo impiego, innovativo e originale, può davvero dare la possibilità di avviare e rendere concrete nuove metodologie e nuove strategie, più efficaci e inclusive.  Il punto fondamentale è quello di “entrare” nel mondo della LIM per studiarne le caratteristiche e comprenderne le potenzialità. Solo così sarà utilizzata in modo consapevole e pieno.

Diversamente, anche questa volta, assisteremo a ciò che spesso è accaduto nel mondo della Scuola: le tecnologie si sovrappongono alla didattica senza influenzare sensibilmente la metodologia; il rischio, dunque, è quello di confondere il progresso tecnologico con l’evoluzione delle Tecnologie didattiche, non basta utilizzare immagini, video, suoni, musiche e testi in formato digitale ma serve organizzare tutti questi strumenti in maniera fruibile per i Discenti e davvero utile per l’apprendimento.

Appare evidente, infatti, che il fulcro dell’operazione è il Docente: soltanto se possiede adeguate competenze tecniche ed operative può utilizzare a pieno la LIM in classe; dovrà possedere padronanza dei Tools (strumenti) a disposizione e delle strategie sottese al suo impiego nei diversi contesti che caratterizzano il processo di Apprendimento.

EIPASS LIM è il programma di certificazione elaborato da Certipass che, attraverso un percorso di apprendimento formale, permette al Candidato di acquisire conoscenze, abilità e competenze specifiche per l’utilizzo professionale della LIM, nell’ambito della didattica e della formazione.

La certificazione EIPASS LIM aggiunge valore al proprio Curriculm Vitae ed è spendibile in ambito concorsuale.

Per saperne di più